La formazione sulla sicurezza: un modello di life long learning da esportare

agosto 28, 2009

 

Non solo gli infortuni sul lavoro minacciano la integrità psico-fisica dell’individuo.

Gli eventi conseguenti al terremoto in Abruzzo e l’incidente avvenuto a Viareggio, che hanno causato complessivamente la morte di oltre 300 cittadini inconsapevoli, ripropongono il tema della prevenzione e sicurezza, oltre che degli ambienti di lavoro, anche negli ambienti di vita.

Possiamo sostenere che la formazione sui temi della salute e sicurezza degli ambienti di lavoro, dopo anni di impegno sociale e civile, è divenuta un punto fermo che viene riconosciuto come fattore di civiltà e sviluppo competitivo dal mondo produttivo e dalle forze sociali e politiche dei paesi occidentali.

E’ ormai tempo di ipotizzare un sistema globale di tutela dei cittadini allargando e integrando la platea dei fruitori della formazione sulla sicurezza e la prevenzione.

Esportare il modello collaudato nella formazione dei lavoratori a favore dei frequentatori di tutti gli ambienti di vita, costituisce un ulteriore strumento di tutela della salute e della integrità fisica della totalità dei cittadini, senza distinzione di età, professione, genere.

Leggi l’articolo