Non ci resta che sperare

#salviamoroma
Prendo atto, con una vena di scetticismo, del risultato romano del voto al comune e mi interrogo su quello che succederà il 19. Se andrà come sembra il/la nuovo/a sindaco dovrà governare una città disastrata prima di tutto dal punto di vista etico e culturale. Non servirà fare l’isolazionista, il perbene, il primo della classe, “quello che non chiede

mai”, il puro e onesto al di sopra di tutti! Anzi sarà dannoso e controproducente e si continuerà a fare a Roma quello a cui non sono riusciti gli Unni! Si dovranno cercare alleanze, fare azioni decise e spesso antipopolari, tagliare rami secchi e ricostruire, ridare fiducia e speranza accettando aiuti e aprendo opportunità! Insomma entrare nel tessuto sociale e, se necessario, sporcarsi le mani e fare la faccia dura! Insomma…niente idealisti, fighetti, facce da primo della classe, incensurati della domenica…serviranno facce dure, decise e anche un po’ bastarde! Solo così si salverà Roma!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: